5 Strategie sicure per identificare la tua audience target e aumentare il tuo traffico

download.png

Il fondatore di svariate attività online di successo, Syed Balkhi, di recente ha presentato le sue strategie per incrementare il traffico verso blog/siti durante il Social Media Marketing World. Considerando che i suoi siti generano più di 400 milioni di visite ogni anno, non vediamo l’ora di presentarti gli highlights e gli insights ispirati alla sua affascinante presentazione – incluse alcune risorse gratuite molto utili – per aiutarti a costruire il traffico verso il tuo sito o blog. Questa è la prima in una serie di tre parti in cui parleremo dell’importanza di identificare la tua audience target per accrescere il tuo traffico.

Ogni business plan o content strategy di successo è guidato da un fattore primario: qual è la tua audience target?

La risposta è cruciale, non solo per attirare i tuoi lettori ideali, ma anche per mantenerli offrendo loro il contenuto che desiderano, e, cosa ancor più importante, farli cliccare per acquistare i prodotti che hai scelto per loro.

Se il tuo traffico è scadente, il primo posto da cui dovresti partire è la tua audience – di chi parliamo? Da dove vengono, da un punto di vista demografico e psicografico? Quanti anni hanno? Quali sono i loro interessi?

Una volta individuata chiaramente la tua audience, puoi creare del contenuto che parli loro in modo chiaro e coerente, così continueranno a tornare sul tuo sito.

Come consiglia Balkhi, “Non scrivere per i motori di ricerca: scrivi per le persone.” (Ovviamente devi scrivere per le persone, ma tieni sempre a mente i motori di ricerca. Approfondiremo questo tema nella seconda parte della serie, quando parleremo del tipo di contenuti che funzionano meglio sia per le persone sia per i motori di ricerca).

Per capire meglio per chi stai scrivendo, dovresti sviluppare una sorta di “avatar” che rappresenta il tuo lettore ideale. Dagli un nome e abbozza un profilo demografico di base, che includa:

●      Genere

●      Età

●      Stato civile

●      Figli/età

●      Localizzazione geografica

●      Impiego tipico

●      Entrate annuali

●      Istruzione

●      Altri aspetti demografici importanti

Fatto questo, identifica i fattori che caratterizzano il punto di vista del lettore ideale per definirlo meglio, per esempio:

●      Obiettivi & valori: A cosa tiene il tuo avatar? Qual è la sua mission personale?

●      Sfide & punti deboli: Quali sono i problemi che il tuo avatar deve affrontare?

●      Fonti di informazione (per es. libri, riviste, siti web, show televisivi, conferenze, persone di esempio)

●      Obiezioni & ruolo nel processo di acquisto: In quanto marketer di affiliazione, pensa a cosa farebbe cliccare (o non cliccare) il tuo lettore per quanto riguarda i prodotti che consigli.

Ci sono molti sistemi efficaci per raccogliere informazioni chiave per costruire il profilo del tuo avatar:

1) Studia gli analytics del tuo sito.

Dovresti prima di tutto avere Google Analytics installato sul tuo sito, il che è il modo migliore per iniziare. Così non troverai solamente informazioni demografiche di base (genere, Paese di origine, ecc), ma anche informazioni importanti sul momento della giornata in cui le persone visitano il tuo sito, quali post o temi sono più popolari, e così via.

Se hai un sito WordPress, MonsterInsights (una delle compagnie di Balkhi) è un plug-in semplice, efficace ed economico per portare le tue insight di Google Analytics nella bacheca backend del tuo sito. Ti permette di vedere facilmente i tuoi post e le tue pagine migliori, evidenziare le fonti del tuo traffico, tracciare i link esterni e molto altro.

(Fonte immagine)

(Fonte immagine)

Ci sono anche altre piattaforme e sistemi di content management con gli analytics installati. Controlla quali informazioni è in grado di darti il tuo sito riguardo l’utente.

2) Concentrati su quello che cerca la tua audience.

Mentre lo studio degli analytics ti dirà quali temi sono più popolari sul tuo sito, è anche importante scoprire quali domande, problemi e sfide interessano la tua audience per trovare delle soluzioni. Una fantastica risorsa è la Google’s Search Console, che ti dice quali keyword ha cercato la tua audience per atterrare su quella pagina specifica del tuo sito. 

Puoi anche fare una semplice ricerca su Google in base alle keyword sulle varie aree tematiche del tuo sito e scorrere la pagina fino in fondo, dove trovi le “ricerche correlate”. Questo ti aiuterà ad ampliare le conoscenze sui punti deboli della tua audience per poi rispondere con le soluzioni migliori.

3) Studia gli analytics dei tuoi canali social.

Facebook ha gli “Insights,” e Twitter, YouTube e Pinterest hanno tutti degli analytics che possono aiutarti a farti un’idea più approfondita dei tipi di temi e post che riescono a catturare l’attenzione della tua audience target e a mantenerla – e quali non lo fanno. Social Media Examiner, l’ospite del of Social Media Marketing World, consiglia diversi strumenti di social analytics che hanno anche versioni gratuite, come FanPage Karma (per Facebook) e Twitonomy (per Twitter), che possono fornirti metriche e analisi approfondite. 

4) Tieni d’occhio i tuoi competitor.

La lotta per ottenere l’attenzione nell’era della distrazione è molto dura; studiare quello che funziona meglio o peggio sui siti dei tuoi competitor è uno step importante per capire i comportamenti della tua core audience. Gli strumenti di analisi keyword e social media come SEMrush, oppure i già citati FanPage Karma e Twitonomy, possono fornirti degli utili insight sui comportamenti e le preferenze della tua audience target, basati sul loro modo di interagire con i tuoi competitor.

5) Chiedi ai tuoi lettori.

Anche se ci sono moltissime informazioni che possono essere raccolte tramite metriche e analytics, un’intervista è un sistema più diretto per ottenere informazioni demografiche sulla tua audience. Surveymonkey e Polldaddy hanno entrambi delle versioni gratuite. L’unico lato negativo di interviste e sondaggi è che normalmente solo una piccola percentuale di persone risponderà a un questionario online, quindi funzionano meglio per chi ha un pubblico veramente vasto da intervistare. 

Indentificare la tua audience e arrivare non solo a capire, ma anche a creare un legame empatico con essa, è il primo step cruciale per assicurarti che il tuo blog o sito web sia costruito in modo da attirare i tuoi lettori ideali. La prossima settimana parleremo di come usare questi traguardi per creare contenuti in grado di connettersi con la tua audience e creare conversioni.