Consigli e strumenti per aumentare il tuo traffico e le tue commissioni EPN grazie a contenuti strategici e rilevanti

Per far crescere le tue commissioni di marketing di affiliazione hai bisogno di aumentare il traffico, quindi, quando impari a conoscere la tua audience, puoi focalizzarti sul contenuto più utile per essa –  che spinga a cliccare e ad acquistare su eBay in base ai tuoi consigli. In questa seconda guida composta da una serie di tre parti, ti offriremo alcune idee brillanti dell’innovatore di internet, esperto di blogging e titolare di svariate attività online, Syed Balkhi, tratte dalla sua recente presentazione su come aumentare il traffico su blog e sito, fatta al Social Media Marketing World. Il post di oggi si concentra su come creare contenuto di qualità che funzioni – e che porti conversioni.

Syed Balkhi ha una regola per creare contenuto che non sia solo fruibile e condivisibile, ma che porti le persone anche ad agire, cliccando sui tuoi link di affiliazione eBay.

Non scrivere per i motori di ricerca, scrivi per le persone.

Ma c’è anche un’altra puntualizzazione:

Scrivi per le persone, ma ricordati sempre dei motori di ricerca.

Inizia con l’essere sistematico con la ricerca dei tuoi temi (leggi: keyword). Devi sapere quali sono le domande, le sfide, i problemi della tua audience per poter offrire il miglior contenuto in tal senso.

Inizia con uno studio approfondito di Google Analytics, che non mostra solo le informazioni demografiche più importanti, i contenuti che performano meglio o peggio, le keyword che fanno arrivare le persone sul tuo sito, ma anche esattamente quello che cercano una volta atterrati lì.

E se non sei abituato a usare periodicamente lo strumento di Google per le keyword, ovvero Keyword Planner, facci un giro – è un’ottima base per il SEO e un ottimo modo di iniziare.

Se vuoi fare una ricerca più approfondita sulle keyword e i temi, vai su AnswerThePublic.com. Questo strumento gratuito, incredibilmente ricco di dati, fornisce tantissime informazioni su quello che cercano le persone e sul modo migliore di rispondere alle domande del pubblico.

Per esempio, diciamo che hai un blog sull’affiliate marketing. Una volta su AnswerThePublic.com, puoi chiedere suggerimenti su contenuti e idee basati sulle keyword. Quando inserisci “affiliate marketing” e il tuo Paese, avrai accesso a visualizzazioni e dati riguardanti le domande, le parole e le frasi relative a quelle keyword.

Visual:

PIC1.png

Lista di dati:

PIC2.png

Queste informazioni dettagliate non ti serviranno solo a fare un lavoro migliore con la tua SEO, ma anche a proporre contenuti interessanti ai tuoi lettori.

Una volta che ti sarai fatto un’idea strategica e corretta di come funzionano i topic, lo step successivo è quello di familiarizzare con i diversi tipi di contenuto che possono funzionare, per esempio:

1) Pillar article

Balkhi è un sostenitore del costruire “pillar article”, prima di tutto. Perfetti per la SEO, le condivisioni social e il traffico esterno, i pillar article sono un evergreen (ovvero le informazioni in esse contenute sono senza tempo, per quanto possibile), sono approfonditi, lunghi, dettagliati, e, cosa ancora più importante, offrono informazioni eccezionali e di valore per i tuoi lettori. Questi articoli ti aiutano a costruire una credibilità e puoi continuare a linkarli di tanto in tanto. Ricorda che a volte il contenuto dei pillar article ha bisogno di essere aggiornato, il che è sempre una buona idea per mantenerli appetibili.

Esempi di pillar article dal sito di Balkhi includono: The Ultimate Guide to Boost WordPress Speed & Performance e Ultimate Wordpress SEO Guide for Beginners (Step by Step).

2) Tutorial How-To

Gli articoli sul “come fare” hanno al loro interno una ricerca e sono particolarmente utili per la long-tail SEO (quelle frasi di ricerca di nicchia che normalmente sono formate da almeno tre parole). Un buon esempio di articolo how-to è di Copyblogger: How to Run a Sustainable Writing Business (Where the Backbone of Success Is Simply … You).

3) Infografiche

Le infografiche sono informative accattivanti che includono testi brevi. Considerando che le persone seguono meglio per il 323% dei casi i testi accompagnati da immagini rispetto al solo testo E che le infografiche ottengono moltissime condivisioni sui social e generano traffico, di sicuro vale la pena includerle nel tuo mix di contenuti. 

PIC3.png

 

4) “Liste-articolo”

Questa combo di liste e articoli è un tipo molto popolare di post che di solito include sottotitoli accattivanti, immagini o gif simpatiche e brevi descrizioni. Se fatti bene, le liste-articolo sono perfette per le condivisioni social, il traffico veicolato e la diffusione. Un esempio è The 8 Best Twinkie Listings On eBay di Buzzfeed, scritto quando pensavamo che fosse giunta la fine delle Hostess Twinkies.

5) Aggiornamento e proposta di vecchi articoli

Grazie ai tuoi analytics, dovresti farti un’idea reale delle performance del contenuto nel corso del tempo. Ricordati di dare un’occhiata periodica a quelli che funzionano meglio, aggiorna le informazioni, aggiungi un tag “Aggiornato” al title e voilà! Avrai un contenuto efficace che supera la prova del tempo e manterrà la tua SEO organica sempre fresca e in crescita.

Una volta che avrai capito che tipo di contenuto stai creando, il passo chiave successivo è creare headline persuasive che spingano le persone a cliccare e leggere i tuoi post. Balkhi consiglia un paio di strumenti gratuiti che ti aiuteranno a capire in anticipo quali titoli sono più efficaci per te:

The Emotional Marketing Value (EMV) Headline Analyzer dell’Advanced Marketing Institute calcola quanto sono potenti le tue headline quando si tratta di schiacchiare i tasti giusti con la tua audience potenziale. Ti mostrerà anche su quali emozioni – intellettive, empatiche e/o spirituali – i tuoi titoli hanno un impatto maggiore.

PIC4.png

CoSchedule ha un tool gratuito di analisi delle headline che controlla la struttura nel suo insieme, la grammatica e la leggibilità del tuo titolo, così come altri aspetti quali la lunghezza, l’emozione che evoca e come apparirà il titolo in questione su Google e nei campi delle email.

Infine, una volta che ti sarai fatto un’idea completa di quale contenuto pubblicare, Balkhi consiglia la creazione di un calendario editoriale. Lui preferisce Asana (che ha anche una versione gratuita), ma anche CoSchedule è un valido calendario con una versione low cost per blogger e imprenditori alle prime armi.

Concentrarsi sul contenuto che interessa ai tuoi utenti è il secondo step per rendere il tuo blog o sito un vero e proprio magnete di traffico. La prossima settimana daremo un’occhiata alle tecniche e alle strategie per mettere in risalto il tuo lavoro e per veicolare più traffico verso il tuo sito attraverso i link esterni e la promozione.