Anche gli affiliati con le migliori intenzioni possono sbagliare

Banana pic Come ogni rete di affiliati, anche eBay Partner Network (ePN) ha il suo insieme di regole e policy che stabiliscono gli standard a cui devono attenersi gli affiliati che vi partecipano. ePN incoraggia gli affiliati a promuovere eBay sui loro siti e a inviare traffico verso eBay, nel rispetto dei valori di eBay ed evitando comportamenti in contraddizione con questi.

Tuttavia, anche gli affiliati con le migliori intenzioni, in particolare quelli nuovi al marketing di affiliazione, possono talvolta incorrere involontariamente in errori. Spesso si tratta di incidenti di percorso dovuti alla scarsa dimestichezza con le nostre regole. Abbiamo perciò pensato che fosse utile richiamare l'attenzione su alcune regole che talvolta risultano più ostiche per gli affiliati, nella speranza di aiutare quelli di più recente collaborazione a evitare problemi sin dall'inizio (queste e altre regole sono reperibili nei documenti che regolano il rapporto di affiliazione, in particolare l'Accordo di  ePN, i Termini e le condizioni e il Codice di condotta).

Link diretti 

Lo spirito del marketing di affiliazione prevede, ovviamente, che gli affiliati incrementino la quantità e il valore del traffico rispetto ai risultati che eBay sarebbe altrimenti in grado di ottenere. Un modo per garantire tale valore è assicurarsi che gli affiliati non inviino direttamente a eBay traffico derivante dai risultati di ricerca a pagamento, ma che riescano prima ad attirare i clienti verso il proprio sito. Per questo motivo, ePN proibisce agli affiliati di inviare direttamente al sito di eBay traffico proveniente dai risultati di ricerca a pagamento o da altri posizionamenti di carattere promozionale.L'invio di traffico da posizionamenti promozionali è ammesso solo se gli utenti vengono indirizzati al sito dell'inserzionista e non direttamente a quello di eBay.

Link dalle pagine dei venditori

ePN incoraggia gli affiliati a indirizzare su eBay traffico considerabile come "nuovo", escludendo perciò l'indirizzamento di utenti già presenti su eBay. A volte, ad esempio, gli affiliati che sono anche venditori su eBay potrebbero pensare di indirizzare traffico proveniente dalle loro inserzioni, contravvenendo al principio e alla regola citati.

Identificazione di contenuti con eBay

Quando gli affiliati promuovono prodotti eBay tramite posizionamenti nei propri siti, devono indicare in modo inequivocabile che eventuali foto o altri contenuti promozionali mostrati sono a tutti gli effetti inserzioni eBay e che, cliccando su di essi, l'utente verrà indirizzato al sito eBay. In alcuni mercati, l'inosservanza di questa regola potrebbe implicare che l'inserzionista ha "adottato" il contenuto mostrato e ne è pertanto legalmente responsabile.

Modelli di business speciali

ePN definisce alcuni metodi di indirizzamento del traffico (ad esempio, schemi Fedeltà/Incentivi, Strumenti scaricabili, Email/Messaggi istantanei e Reti di sotto-affiliati) come modelli di business speciali (vedi post del 15 aprile "Strategie migliori per modelli di business speciali"). Talvolta gli affiliati dimenticano che per inviare traffico a eBay secondo questi modelli di business è richiesta l'autorizzazione preventiva di ePN. Pertanto, se intendi inviare traffico a eBay utilizzando uno di questi metodi, accertati di richiedere l'autorizzazione completando prima di tutto la procedura online prevista.

Posizionamenti inaccettabili 

Uno degli ambiti apparentemente inequivocabile, che si rivela invece problematico per gli affiliati, è quello dei "posizionamenti inaccettabili". ePN proibisce posizionamenti correlati a contenuti che ritiene controversi, come, ad esempio, contenuti per soli adulti, armi da fuoco o contenuti discriminatori. Per ulteriori esempi e dettagli, vedi il Codice di condotta ePN.

Sniping

Un altro metodo di posizionamento inaccettabile e quindi da evitare è quello associato alle tecniche di "sniping", che prevedono l'impiego di software o servizi per inviare automaticamente offerte o effettuare acquisti “Compralo subito” per conto di utenti eBay.

***

Infine, vale la pena ricordare i comportamenti che non solo sono ammessi ma persino incoraggiati in ePN.

Mitigazione delle regole sulla proprietà dei domini

Come anticipato in questo blog lo scorso febbraio, agli affiliati è ora consentito promuovere ePN da domini che non sono di loro proprietà, e in particolare da siti di social network e blog (vedi post del 20 febbraio "Cosa è cambiato con la modifica sulla convalida dei domini"). Da allora, molti dei nostri affiliati hanno iniziato a promuovere eBay tramite siti di terze parti e auspichiamo che sempre più affiliati sfruttino le opportunità offerte da questi nuovi canali. Sarà bene ricordare, tuttavia, che gli affiliati sono comunque tenuti all'osservanza dei termini relativi all'utilizzo dei siti di terze parti in cui scelgono di pubblicare contenuti promozionali (ad esempio, astenendosi dal promuovere contenuto eBay su siti proibiti, quali www.craigslist.com).

Autorizzazione a utilizzare i servizi di abbreviazione dell'URL 

Per agevolare l'attività promozionale che gli affiliati svolgono nei social network, a febbraio sono state rimosse anche alcune restrizioni relative all'uso dei servizi di abbreviazione degli URL. Mentre in precedenza il ricorso a tali servizi era proibito, oggi consentiamo agli affiliati di utilizzare tre servizi di abbreviazione degli URL (forniti da Twitter, Google e bitly) per facilitare le promozioni nei social network.

***

Pur riconoscendo che alcuni principi comportamentali sono essenziali per garantire il funzionamento ottimale di qualsiasi community e rete, ePN continuerà a impegnarsi per limitare tali principi alle sole regole indispensabili. Ogni eventuale modifica delle regole sarà comunicata alla nostra community nel modo più chiaro e trasparente possibile.