API e Feed

Ottimizza le entrate con l'API

Ottimizza le entrate con l'APIL'API (Application Programming Interface) è uno degli strumenti ePN più efficaci disponibili. Non solo ti offre l'accesso all'intero magazzino di eBay, ma ti consente anche di personalizzare le inserzioni per ottimizzare le campagne e migliorare i tassi di conversione. L'API consente agli inserzionisti con conoscenze di programmazione più approfondite di personalizzare totalmente l'esperienza utente, migliorando al contempo le opportunità di incrementare la propria performance. Ecco alcune cose che devi sapere:

Che cosa posso fare con l'API?

L'API è lo strumento più flessibile ed efficace per perfezionare le inserzioni eBay in modo che funzionino in sintonia con il tuo sito. È disponibile anche una funzionalità per integrare i report ePN nei sistemi back-end, in modo da poter monitorare più facilmente la tua performance.

Personalizzazione delle inserzioni eBay

Puoi utilizzare l'API per personalizzare le inserzioni eBay in base ai filtri, ottimizzando così il tuo potenziale di performance. Sono disponibili vari tipi di chiamate e filtri che puoi sperimentare per trovare la combinazione più adatta ai visitatori del tuo sito.

Ad esempio, un sito Web di confronto dei prezzi potrebbe utilizzare l'API per mostrare i prodotti eBay venduti da venditori Affidabilità Top a un prezzo superiore a un determinato importo e con spedizione gratuita, un'iniziativa che potrebbe aiutarti a migliorare drasticamente i tassi di conversione.

Come posso accedere all'API?

Innanzitutto, invia una richiesta di partecipazione al Programma per gli sviluppatori da questa pagina. Dopo che la tua richiesta è stata accettata, vai a Il mio account e clicca su “Generate Productions Keys” (Crea codici produzioni) per ottenere un ID applicazione.

Quindi, puoi iniziare scegliendo una chiamata, verificando il codice di esempio e provando a utilizzare il tuo ID applicazione.

Fatto questo, puoi creare la tua app, testarla e richiederne l'approvazione da parte del Programma per gli sviluppatori di eBay per iniziare a effettuare fino a 5.000 richieste per IP al giorno. Per maggiori informazioni, verifica l'Elenco di controllo per l'attivazione.

Quali sono le diverse API disponibili? Come posso filtrare le mie inserzioni?

Sebbene siano presenti una serie di API, le più diffuse sono l'API per la ricerca e l'API per gli acquisti.

API per le ricerche

L'API per le ricerche ti consente di cercare gli oggetti utilizzando la piattaforma di ricerca di eBay. Questa API consente funzionalità di ricerca avanzata per gli oggetti eBay, fornendo al contempo meta dati utili per perfezionare le ricerche e migliorare l'esperienza di ricerca nel suo complesso.

Le chiamate disponibili nell'API per le ricerche includono quelle riportate di seguito:

API per gli acquisti

L'API per gli acquisti è ottimizzata per le dimensioni della risposta, la velocità e le condizioni di utilizzo. Puoi utilizzare l'API per gli acquisti per cercare gli oggetti eBay, i prodotti e le recensioni, le informazioni sugli utenti e gli oggetti più ricercati. Puoi anche richiamare i dati eBay pubblici in una vista intuitiva per gli acquirenti, in modo che possano essere facilmente utilizzati da widget, strumenti di ricerca e altre applicazioni incentrate sugli acquirenti.

Le chiamate disponibili nell'API per gli acquisti includono quelle riportate di seguito:

Altre API

Sono disponibili anche API aggiuntive che possono aiutarti a creare contenuti ed esperienze di impatto per gli utenti, tra cui:

  • API Merchandising - Ti offre un modo semplice per mostrare oggetti e prodotti disponibili che offrono un buon rapporto qualità prezzo o che hanno successo con gli acquirenti eBay per altri motivi
  • API Trading - Offre l'accesso sicuro e autenticato ai dati eBay privati
  • API Rilevanza - Ti permette di conoscere i fattori chiave che influiscono sulla posizione dei risultati di ricerca ordinati per Rilevanza

Ci auguriamo che questa presentazione ti sia utile. Se ritieni che un ulteriore approfondimento sulle API possa essere utile, comunicacelo! Inserisci i tuoi commenti qui di seguito, saremo lieti di rispondere alle tue domande!

 

Aggiornamento delle categorie su eBay

Parte del processo di creazione di una esperienza migliore per i nostri acquirenti e i nostri venditori è la ridefinizione della struttura delle categorie. Questi cambiamenti riguardano gli affiliati che usano gli ID categoria nei Banner personalizzati, nei Feed RSS, nel Generatore link o nei widget con l'opzione ID categoria. Alla fine di aprile alcune categorie saranno aggiornate sui siti eBay in Francia, Germania e Regno Unito.

Suggerimenti per un 2013 di successo | Panoramica degli strumenti

ePN_Tools_ITPer assicurare a tutti i nostri affiliati un 2013 di successi abbiamo deciso di fornire alcuni suggerimenti vincenti sugli strumenti ePN. Ecco una panoramica esauriente dei più importanti strumenti disponibili in ePN e delle loro possibili applicazioni. Con gli strumenti indicati di seguito, puoi aumentare la qualità del tuo traffico ottimizzando, al contempo, l'integrazione con eBay. Usa il Generatore link per creare collegamenti alle offerte speciali di eBay

Grazie all'esclusivo strumento Generatore link facile da usare (accesso in ePN tramite Strumenti > Generatore link), puoi creare semplici collegamenti di testo e codice HTML/Javascript in modo facile e veloce, per poter indirizzare gli utenti su pagine di arrivo di eBay di tua scelta.

Come alcuni di voi sanno già, il campo "Testo link" è opzionale. Se hai bisogno soltanto di un codice per collegare contenuto testuale, immagini o video con un URL individuale, puoi lasciare questo campo vuoto.

linkgenerator

Se desideri integrare il codice HTML in varie posizioni ma per pagine di arrivo di eBay diverse, puoi sempre riutilizzare il codice di base ottenuto e sostituire semplicemente il rispettivo URL di destinazione all'interno del codice (subito dopo il segno “=” del parametro "mpre="). Se necessario, puoi modificare anche l'ID campagna e l'ID personalizzato all’interno dello stesso codice. Inoltre, puoi trovare informazioni più dettagliate sull'argomento in questo post del Blog.

 

Usa il Banner personalizzato per integrare facilmente le offerte di eBay sul tuo sito

Grazie al Banner personalizzato di eBay (Strumenti > Widget > Banner personalizzato) puoi integrare facilmente nelle tue pagine un banner dinamico con le offerte eBay correnti rilevanti per il contenuto della pagina. Otterrai un banner accattivante, che si aggiorna automaticamente, e che ti permetterà di dare un servizio ai tuoi utenti, proponendo prodotti attinenti all’argomento trattato in una determinata pagina.

Per poter utilizzare il Banner personalizzato, per prima cosa seleziona il layout di visualizzazione preferito tra i modelli disponibili. Puoi definire sia le dimensioni del banner che il design dei singoli elementi che lo compongono.

CustomBanner

 

Quindi, definisci il contenuto del tuo banner. Puoi fare in modo che il contenuto venga mostrato precisamente ad uno specifico target utilizzando termini di ricerca positivi e negativi, categorie, venditori, fasce di prezzo, ecc. Una volta completata la configurazione del banner, il codice necessario per integrare il banner verrà generato automaticamente.

CustomBanner_2

 

Naturalmente puoi usare anche il nostro Generatore creatività per creare, ad esempio, banner con il logo o il campo di ricerca.

Anche in questo caso sono disponibili determinate opzioni di configurazione, come quelle per le dimensioni o il tipo di banner. Da metà gennaio, sono disponibili supporti pubblicitari con il nuovo logo eBay e una tecnologia aggiornata che garantisce un'esperienza utente ancora migliore. Nel corso del processo di rinnovamento, i supporti pubblicitari usati con maggiore frequenza sono stati aggiornati automaticamente nel nostro sistema e distribuiti nelle pagine dei partner. Nell'improbabile caso in cui nelle tue pagine fossero ancora presenti supporti pubblicitari obsoleti, ti preghiamo di aggiornarli entro il 28 febbraio, in quanto dopo questa data non sarà più possibile mostrarli.

Generare un traffico di qualità ancora migliore con l'API di eBay

I più esperti tra di voi possono usufruire di uno strumento straordinariamente utile: l'API di eBay, ovvero un'interfaccia di programmazione che fornisce accesso all'ampio database di eBay. L'API consente al tuo sito Web o alla tua applicazione di accedere ad informazioni archiviate, ad esempio le informazioni sui prodotti o sui venditori, interrogando il database di eBay in tempo reale per ottenere la restituzione di uno o più risultati.

Per integrare l'API di eBay, occorre innanzitutto effettuare la registrazione al Portale eBay per gli sviluppatori. Nel portale riceverai il tuo ID App individuale e potrai accedere ai dati attualmente registrati su eBay. Dopo avere completato questo passaggio, potrai generare le chiamate API desiderate.

Puoi creare la chiamata più semplice mediante l'API di ricerca eBay. L'API di ricerca consente di filtrare per categorie speciali, parole chiave e venditori per ottenere esattamente il risultato desiderato. Per ottenere informazioni dettagliate in merito, consulta il portale per gli sviluppatori.

Dopo avere generato la chiamata API, puoi convertire le informazioni ottenute mediante la chiamata in un formato leggibile per i visitatori del sito Web. Generalmente, è possibile richiedere i dati nei formati JSON, SOAP, XML o testuale. Altre informazioni di base sull'utilizzo dell'API sono reperibili anche qui.

Ci auguriamo che questa panoramica degli strumenti ti consenta di integrare il contenuto eBay in modo ottimale nelle tue pagine e di controllare i relativi gruppi di destinazione. In questo modo potrai indirizzare traffico di alta qualità su eBay e beneficiare, di conseguenza, della qualità del tuo traffico. Se hai domande o suggerimenti su questo argomento, puoi inserirli nel campo per i commenti riportato di seguito.

 

Aggiornamento 5/11/12: caratteri jolly nelle ricerche eBay

Come annunciato in precedenza, eBay non consente più l'uso di caratteri jolly nelle ricerche, comprese le ricerche basate su Web e applicazioni mobile, le ricerche avanzate e le funzioni API. Abbiamo lavorato con il nostro team tecnico per redigere documenti sulle migliori strategie da utilizzare e sulle soluzioni ottimali per incrementare gli affari.

Le query con caratteri jolly includono un asterisco (*) nelle ricerche per parola chiave. L'asterisco ha lo scopo di trovare tutte le parole che iniziano con le lettere indicate. Ad esempio, la ricerca per parola chiave vesti* restituisce le inserzioni contenenti una delle seguenti parole nel titolo: vesti, vestito, vestiti, vestire, vestiario e così via .

Soltanto lo 0,35% di query eBay contiene caratteri jolly, ma il supporto di tali query richiede capacità eccessive. Le query con caratteri jolly possono avere un considerevole impatto sulla reattività del sito, ovvero sulla capacità di rispondere alle ricerche di tutti gli utenti, soprattutto negli orari di maggiore congestione.Per garantire la reattività del sito, si tende a scoraggiare l'utilizzo delle ricerche con caratteri jolly e ad adottare invece lo stesso approccio di eBay che fornisce l'opzione di riscrittura automatica delle query. Tale opzione consente di cogliere l'intenzione della query e di adattarla in modo che restituisca gli oggetti desiderati. Inoltre, vengono forniti operatori di ricerca come l'esclusione e la formulazione di frasi per gli utenti che desiderano un controllo più preciso delle query.

 

Formulazione di query di ricerca efficaci senza caratteri jolly

La ricerca senza caratteri jolly prevede due approcci distinti.

Il primo approccio consiste nell'esecuzione di una query di ricerca per parola chiave semplice. eBay migliora costantemente l'elaborazione delle ricerche (http://hughewilliams.com/2012/03/19/query-rewriting-in-search-engines/) per fare in modo che gli utenti trovino più facilmente ciò che desiderano. Dopo essere stata elaborata, una query può includere molte varianti delle parole iniziali ed essere estesa a più categorie e ad altri dati correlati all'oggetto. Ad esempio, se un utente digita borsette gucci, l'elaborazione può modificare tale query per cercare (gucci o Marchio:Gucci) e (borsetta, borsette, borsa, borse, Categoria:Borsette). In molti casi, le ricerche per le quali un anno fa venivano utilizzati caratteri jolly ora possono essere eseguite in modo più efficace come ricerche per parola chiave.

Considera la ricerca sciarp* anne klein. Lo scopo della ricerca è restituire le inserzioni relative a sciarpe Anne Klein indipendentemente dal fatto che il venditore abbia utilizzato nel titolo sciarpa, , sciarpe o sciarpina. Tuttavia, tutte queste inserzioni sono restituite anche dalla ricerca semplice per parola chiave sciarpa anne klein, in aggiunta alle inserzioni della categoria Sciarpe, anche se il titolo non contiene la parola sciarpa o sciarpe. La ricerca per parola chiave inoltre, al contrario della ricerca con caratteri jolly, offre il vantaggio di mostrare anche le inserzioni che non contengono Anne Klein nel titolo. Un altro esempio è la query tend* pieghe*, che può essere sostituita dalla ricerca per parola chiave semplice tende a pieghe per restituire tutte le inserzioni con la parola pieghe, pieghettata o pieghettate nel titolo che contengono anche la parola tenda o tende o sono messe in vendita nella categoria Tende.

Il secondo approccio è l'uso di query avanzate complesse. In questi casi, il modo più diretto per sostituire un carattere jolly è elencare le parole separandole con virgole e racchiudendole tra parentesi. Ad esempio, se la query di ricerca è minifig* lego -lott* , è possibile riscriverla come lego (minifigure) -(lotto, lotti) oppure come lego (minifigure) -lotto -lotti. Questa ricerca restituirà le inserzioni contenenti le parole lego e minifigure ma senza lotto o lotti. Le parentesi () consentono di elencare le alternative. Il segno meno – consente di escludere determinate parole.

In generale, tutti gli operatori della ricerca avanzata, come l'esclusione, gli elenchi di opzioni e la formulazione di frasi, possono essere utilizzati per perfezionare le ricerche. Ad esempio, per limitare ulteriormente i risultati, è possibile utilizzare le virgolette " " per mostrare solo i risultati in cui le parole racchiuse tra virgolette compaiono l'una accanto all'altra e nell'ordine specificato. Se l'utente sta cercando un filtro per macchina da caffè, la ricerca della frase intera "filtro macchina da caffè" restituirà solo le inserzioni contenenti nel titolo l'esatta sequenza delle parole specificate; i risultati non includeranno invece le inserzioni nel cui titolo sia riportato "macchine da caffè con filtri".

Le ricerche avanzate non utilizzano alcuna delle espansioni automatiche applicate dalle ricerche per parole chiave semplici. Pertanto, la query per i filtri delle macchine da caffè deve essere scritta come ("filtro macchina da caffè", "filtri macchina da caffè") per estendere la ricerca di filtro anche a filtri, opzione che sarebbe stata inclusa automaticamente in una query semplice. Allo stesso modo, nell'esempio di ricerca avanzata precedente è necessario specificare sia -lotto che -lotti.

Il nostro consiglio agli utenti è il seguente: prova prima con ricerche per parola chiave semplici, che possono essere facilmente combinate con la categoria e altri vincoli come il prezzo. Soltanto in caso di necessità, passa alle ricerche con operatori avanzate.

Siamo consapevoli del fatto che potresti avere delle domande. Abbiamo stilato un elenco di Domande frequenti che ti consentiranno di trovare una risposta a molte delle tue domande. Nel caso in cui non trovassi una risposta nelle Domande frequenti, lascia un commento di seguito. Faremo del nostro meglio per fornirti una risposta.

Le ricerche con caratteri jolly non sono più supportate

Aggiornamento del 30 ottobre 2012:Abbiamo ascoltato le vostre preoccupazioni su questo argomento ed abbiamo lavorato con i vari dipartimenti per trovare una tempistica meno pressante per gli affiliati che che dovranno rivedere la propria integrazione di eBay in seguito all’interruzione del supporto per le ricerche con caratteri jolly. Siamo stati, infatti, in grado di spostare la data dell’interruzione fino al 5 novembre. La scadenza del 5 novembre riguarda: Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Italia, Francia e Canada. Cambiamenti nel resto d'Europa, fatta eccezione per la Germania, saranno effettuati a metà novembre. In Germania, invece, le modifiche saranno apportate a gennaio del 2013.

Ci auguriamo che questo darà agli affiliati interessati più tempo per aggiornare le loro integrazioni e ridurre al minimo gli impatti negativi sul business. Inoltre, stiamo lavorando con il nostro ufficio tecnico su una raccolta completa di FAQ che speriamo di avere a disposizione nei prossimi giorni.

-----------------------------------------------------------------------------

Abbiamo ricevuto domande da alcuni di voi sull'uso dei caratteri jolly nelle ricerche in strumenti come Finding API e Feed RSS.

Questa funzionalità non sarà più supportata dopo il 29 ottobre 2012. La ricerca con caratteri jolly consente agli utenti di inserire un asterisco nelle parole chiave  per coprire diverse varianti della parola stessa. Ad esempio, una ricerca della parola chiave come "ip*" può restituire "ipod, ipods, ipad, ipads, ipadd" ecc. nei risultati della ricerca.

eBay non supporta più i caratteri jolly nelle ricerche perché le ricerche adesso prendono in considerazione automaticamente le variazioni ortografiche in modo che le ricerche siano più veloci ed efficienti.

Ci scusiamo per gli eventuali inconvenienti.

Purtroppo non possiamo modificare i tempi in cui avverranno tali cambiamenti, ma ci scusiamo per non averli comunicati prima. Stiamo cercando di capire come sia successo perché vogliamo migliorare la comunicazione con i nostri partner.

Ti ringraziamo per la cortese attenzione e  ci scusiamo di nuovo per gli eventuali inconvenienti.

Alcune modifiche alle categorie di eBay

 

Come sapete, periodicamente eBay aggiorna le categorie. Lunedì 10 settembre sono state applicate alcune modifiche. Tali modifiche riguarderanno gli affiliati che indicano gli ID categoria nei Banner personalizzati, nei Feed RSS, nel Generatore link o nei widget con l'opzione ID categoria.

I cambiamenti riguardano le seguenti categorie:

  • Arte e antiquariato
  • Attrezzature industriali
  • Macchine fotografiche e fotocamere digitali
  • Vestiti, scarpe e accessori
  • Monete e banconote
  • Computer
  • Audio, Video e Telefonia
  • Film e DVD
  • eBay Motori
  • Salute e bellezza
  • Giardinaggio e bricolage
  • Gioielli e orologi
  • Musica
  • Strumenti musicali
  • Servizi specializzati
  • Hobby
  • Tutto il resto

Puoi avere maggiori informazioni qui.

Questi cambiamenti riguardano i siti eBay di tutto il mondo, compreso: US, CA, UK, AU, AT, FR, DE, Motors, IT, BENL, NL, ES, CH, IN, IE e CAFR. In base a questi cambiamenti, stimiamo che saranno spostati dai 30 ai 50 milioni di oggetti. Per ulteriori informazioni, consulta gli aggiornamenti per i venditori dell'autunno 2012.

Domande su questi cambiamenti? Scrivi i tuoi commenti qui sotto.

Ultimo avviso per passare a RSS 2.0 - Scadenza 31 maggio

Come annunciato in precedenza via email e sul nostro blog (QUI e QUI), lo strumento RSS versione 1.0 è diventato obsoleto e non è più supportato.

La scadenza finale per il passaggio a RSS 2.0 è il 31 maggio 2012. Dopo tale data, RSS 1.0 non sarà più disponibile. Tutti i publisher che utilizzano RSS 1.0 devono passare a RSS 2.0 entro la data indicata per evitare l'interruzione del servizio.

Alcuni di voi ci hanno chiesto informazioni sul processo di transizione. Per questo motivo, abbiamo redatto alcuni documenti utili, compresi diversi post, per semplificare la transizione:

Chi utilizza WordBay, phpBay e BANS può trovare alcune informazioni aggiuntive sulla compatibilità con RSS 2.0 alla fine di questo post.

Infine, se ritieni di essere passato a RSS 2.0 ma desideri effettuare una verifica, controlla gli URL riportati di seguito e confrontali con la parte iniziale degli URL che utilizzi:

  • RSS 2: http://rest.ebay.com/...
  • RSS 1: http://rss.api.ebay.com/ws/rssapi...

Ci auguriamo di essere riusciti a fornirti tutte le informazioni necessarie per passare a RSS 2.0 prima della scadenza del 31 maggio. Se hai domande, contatta l'assistenza clienti QUI.

Per domande di carattere generale o commenti, lasciali di seguito.

Strategie di ricerca efficaci con il generatore di feed RSS

Da quando ePN ha lanciato RSS 2.0 nel maggio del 2011, abbiamo esaminato le caratteristiche delle richieste RSS degli utenti e i risultati restituiti. La nostra analisi suggerisce piccole modifiche da apportare alle ricerche in determinate aree al fine di ottenere risultati migliori.

Limitare le frasi chiave ad un massimo di 100 caratteri Se le frasi chiave sono troppo lunghe, la ricerca viene eseguita ma i risultati ottenuti sono talvolta bizzarri. Limitando il numero di caratteri delle parole o frasi chiave a circa 100 si otterranno risultati migliori. Il limite suggerito di 100 caratteri comprende sia l'inclusione che l'esclusione di parole chiave.

Combina le parole chiave in frasi ed evita articoli, pronomi, congiunzioni e preposizioni Quando scegli le parole chiave da usare, combinale, se possibile, in frasi e racchiudi la frase tra virgolette.  Inoltre, controlla l'ortografia e, se possibile, usa sostantivi e aggettivi. Se possibile, evita di usare articoli (un, il, ecc.), pronomi (egli, esso, ecc.), congiunzioni (e, o, ecc.) o preposizioni (a, da, ecc.) nelle ricerche.

Considera l'esempio di frase chiave riportato di seguito:

(GPS sport e portatile, GPS veicoli, GPS e navigazione, GPS automatico, GPS con traffico e mappa)-Tomtom

http://rest.ebay.com/epn/v1/find/item.rss?keyword=%28sports+and+handheld+GPS%2Cvehicle+GPS%2CGPS+and+Navigation%2CAuto+GPS%2CGPS+with+Traffic+and+Map%29+-Tomtom&categoryId1=3270&sortOrder=BestMatch&programid=1&campaignid=5336539146&toolid=10039&listingType1=All&lgeo=1&feedType=rss

Questa ricerca ha lo scopo di ottenere una serie di risultati relativi ai sistemi GPS, escludendo gli oggetti che contengono la parola "TomTom" nel titolo.  In questo esempio il set di risultati può essere migliorato racchiudendo tra virgolette le parole chiave con più token, come da esempio "GPS portatile":

(GPS traffico mappe, "automatico+GPS", "veicoli+GPS", "GPS portatile")-Tomtom

http://rest.ebay.com/epn/v1/find/item.rss?keyword=%28GPS+Traffic+Maps%2C%22Auto+GPS%22%2C%22Vehicle+GPS%22%2C%22Handheld+GPS%22%29+-Tomtom&categoryId1=3270&sortOrder=BestMatch&programid=1&campaignid=5336539146&toolid=10039&listingType1=All&lgeo=1&feedType=rss

 

Considerare le varianti delle parole chiave come il plurale e il singolare A differenza di ciò che accade quando un utente eBay digita un'espressione come "vestiti rossi" nella casella di ricerca nella pagina dei risultati eBay, dove la ricerca viene estesa automaticamente anche alla parola chiave "vestito", nelle ricerche RSS non viene fornita alcuna estensione automatica delle parole chiave. Si tratta di un fattore importante da prendere in considerazione nella scelta delle parole chiave. Assicurati di considerare le possibili varianti, come singolare e plurale (ad esempio, treno e treni), presenza e assenza di spazi (ad esempio, spiderman e spider man) e così via, nonché gli errori di battitura comuni.

Nota: non devi preoccuparti dell'uso delle maiuscole con le parole chiave. Le ricerche non fanno distinzione tra maiuscole e minuscole.

Usare le categorie per una maggiore precisione, soprattutto se le parole chiave possono comparire in più categorie L'uso delle limitazioni di categoria è un ottimo modo per aumentare la precisione dei risultati delle ricerche, in particolar modo quando le parole chiave possono essere usate in più categorie. Se da tempo non controlli le tue parole chiave per categoria, potrebbe essere una buona idea allinearle alle categorie eBay più aggiornate.

Nota: le gerarchie delle categorie variano a seconda del sito eBay. Controlla questo recente post per informazioni sugli ultimi aggiornamenti relativi alle categorie per paese.

Personalizzare i criteri di ordinamento per il modello di business del sito Valuta i criteri migliori per ordinare i risultati della ricerca in base alla strategia più efficace per generare conversioni tenendo conto del modello di business del tuo sito. Le opzioni di ordinamento sono disponibili in “Ricerca avanzata” all’interno del “Generatore Feed RSS”.

Spesso l'impostazione predefinita “Rilevanza” funziona bene. In alcuni casi, tuttavia, l'ordinamento in base al prezzo o alla scadenza può restituire risultati più pertinenti e tassi di conversione più elevati. Puoi anche aggiungere filtri per la gamma dei prezzi e la distanza in base al tuo modello di business.

Lavorare con provider terzi Abbiamo ricevuto diverse domande da publisher che utilizzano strumenti di terze parti con RSS 2.0. Abbiamo contattato alcuni di tali provider, i quali hanno confermato che sono disponibili versioni aggiornate che funzionano con RSS 2.0:

WordBay: Mark Daniels di WordBay ha affermato che la versione più recente (1.7) del plugin per WordPress di WordBay è compatibile con RSS 2.0. Si tratta di un aggiornamento gratuito per le precedenti versioni acquistate.

phpBay: Wade Wells di phpBay ha confermato che la versione 4.x di phpBay Pro (rilasciata a fine 2011) è compatibile con RSS 2.0. Per effettuare l'aggiornamento, i clienti possono accedere al proprio account e scaricare l'ultima versione, che include un manuale per l'utente con informazioni e istruzioni.  Nei forum di phpBay sono disponibili notizie e supporto; i clienti che hanno bisogno di assistenza con l'accesso al proprio account o al forum possono utilizzare la pagina di contatto sul sito.

BANS: la versione standard di Build A Niche Store (BANS) è compatibile solo con RSS 1.0, ma Tao Schencks, un membro della community di sviluppo, ci ha comunicato che sta vendendo un aggiornamento distinto per la compatibilità con RSS 2.0 su questo sito.

Clausola di esonero: trasmettendo queste informazioni, ePN non intende approvare questi e altri prodotti, strumenti o aggiornamenti di terze parti, né può fornire supporto per gli stessi. ePN non ha testato gli strumenti e non fornisce né fornirà in futuro alcuna garanzia, ivi inclusa la compatibilità con i prodotti di ePN. Per eventuali domande su compatibilità, aggiornamento, implementazione, ottimizzazione o risoluzione dei problemi di RSS 2.0 mediante tali strumenti, è necessario rivolgersi direttamente ai fornitori. ePN non è responsabile dei contenuti di questi siti esterni, né fornisce la sua approvazione per gli stessi.

 

 

 

 

Come ottimizzare il tuo feed RSS

 

Generare un Feed RSS 2.0 tramite il Generare Feed RSS sul portale ePN è davvero semplice: basta utilizzare le tue credenziali di accesso al portale ePN e cliccare su Strumenti > Widgets > Generatore Feed RSS. Il Generatore Feed RSS ti guiderà nella procedura di generazione del link.

  1. Nella sezione “Dettagli affiliazione” seleziona un programma (es. eBay Stati Uniti), il nome o l'ID di una campagna e, facoltativamente, un ID personalizzato.
  2. Nella sezione “Contenuto annuncio” devi selezionare almeno una parola chiave.  Facoltativamente, puoi anche selezionare un nome o un ID di categoria, nonché parole chiave o categorie specifiche da escludere dalla ricerca.
  3. (Facoltativo) Nella sezione “Ricerca avanzata” puoi scegliere un criterio di ordinamento (l'opzione generalmente consigliata è “Rilevanza”), gli ID venditore specifici, una gamma di prezzi, la distanza da un CAP e tipi specifici di inserzione quali “Asta online” e “Compralo Subito”.
  4. Infine, clicca sul pulsante “Genera link RSS” per ottenere l'URL del Feed RSS e vedere un'anteprima dei risultati.

Per gli utenti più esperti che desiderano personalizzare manualmente il proprio link RSS, è disponibile un elenco parametri aggiuntivi.

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo e l'ottimizzazione di parole chiave e altri criteri di ricerca con RSS 2.0 (strumento basato sulle API di ricerca), dai un'occhiata a queste pagine del programma per sviluppatori eBay:

Guida alla migrazione da FindItemsAdvanced a Finding API findItemsAdvanced http://developer.ebay.com/Devzone/finding/Concepts/map_FindItemsAdvanced_2_FindingService.html

Differenza tra FindItemAdvanced in Shopping e Finding API http://developer.ebay.com/Devzone/finding/Concepts/MakingACall.html#diffs

API di ricerca: Manuale utente http://developer.ebay.com/devzone/finding/Concepts/FindingAPIGuide.html

Nelle prossime settimane forniremo ulteriori suggerimenti per l'ottimizzazione dei risultati di RSS 2.0, quindi resta sintonizzato sul blog di ePN!

Importante - Passaggio a RSS 2.0

 

Come annunciato in precedenza, il Feed RSS 1.0 è diventato obsoleto e non è più supportato. Abbiamo esteso la scadenza finale per il passaggio al Feed RSS 2.0 al 31 maggio 2012. Dopo tale data, il Feed RSS 1.0 non sarà più disponibile.

Tutti gli affiliati che utilizzano il Feed RSS 1.0 devono passare al Feed RSS 2.0 entro la data indicata per evitare l'interruzione del servizio.

Sappiamo che alcuni utenti hanno avuto delle difficoltà con i feed RSS il mese scorso e ci scusiamo per il disagio. Vi assicuriamo che la nostra priorità principale è stata l'ottimizzazione e il miglioramento della stabilità del feed RSS 2.0 durante il processo di trasferimento di tutti gli affiliati al nuovo sistema.

Nel corso delle prossime settimane, forniremo ulteriori informazioni e risorse per assistere gli affiliati con l'implementazione e l'ottimizzazione del Feed RSS 2.0 per i loro siti.

Resta “sintonizzato" per ulteriori informazioni.

Vi ringraziamo per la vostra collaborazione. Faremo tutto il possibile per garantire una transizione agevole. Per domande o dubbi, contattateci pure.

Alla scoperta di X.com

Forse alcuni di voi avranno notato che il dominio http://developer.ebay.com non esiste più. Non preoccupatevi, non abbiamo eliminato il nostro programma per sviluppatori. Al contrario, lo abbiamo rinnovato e reso ancora più potente integrandolo in una nuova piattaforma chiamata x.com.

"Ci piace quello che fate e vogliamo aiutarvi a fare di più, in meno tempo e in modo più efficace. Sappiano che volete creare delle soluzioni intelligenti per aiutare i venditori ad aumentare il loro giro d'affari sviluppando al tempo stesso il vostro business. E sappiamo che sarete voi a costruire il futuro del commercio abbattendo barriere e sviluppando il commercio multi canale.

Tenendo tutte queste considerazioni ben a mente, abbiamo costruito una piattaforma commerce aperta e abbiamo appena rilasciato una prima serie di prodotti end to end. Questo significa che adesso potete accedere alle potenti e sempre più numerose funzionalità di eBay Inc., a partire da PayPal, eBay e Magento, insieme a tante altre ancora, tutte in un ambiente a standard aperto."

Non dimenticatevi di aggiornare i segnalibri con x.com e di iniziare a usare questa incredibile piattaforma.

Lasciateci un commento se avete qualche domanda.

È arrivato il momento di passare al Feed RSS 2

RSS 2

Il 18 aprile abbiamo lanciato RSS versione 2 su una piattaforma più avanzata sfruttando le nostre Finding API. Forse vi ricorderete che sul blog abbiamo parlato di queste novità e dell'importanza di passare alla nuova versione il 1 aprile. Come annunciato, l'infrastruttura su cui si basa la prima versione di RSS non è più supportata a partire dal 30 giugno 2011. Crediamo che questo sia il momento giusto per ricordarvelo e per incoraggiare i publisher che stanno ancora usando la prima versione di RSS a passare alla versione 2.

I problemi relativi all'incongruenza dei campi dei dati segnalatici dai publisher che sono già passati alla versione 2 sono stati risolti. Tutti i campi disponibili nella prima versione di RSS sono ora presenti nella versione 2, anche se è necessario rimapparli. La seconda versione di RSS offre maggiore stabilità e scalabilità. Nella nuova versione sarete in grado di utilizzare diversi nuovi parametri e filtri, compreso il parametro che consente di limitare gli oggetti restituiti in determinati paesi. I nuovi parametri e filtri possono essere scaricati qui.

Sarà sempre possibile accedere al Feed RSS dall'interno del portale ePN andando in Strumenti > Widgets. Aggiorneremo presto le pagine di aiuto per includere la documentazione relativa a tutti i parametri e filtri disponibili nella seconda versione di RSS.

Per domande o altre informazioni, lasciateci un commento qui sotto! Buon aggiornamento a tutti!

Utilizzo dello strumento di verifica delle API di eBay

Le API di eBay sono un sistema avanzato che consente di richiamare dati direttamente dai server eBay e che si differenzia dai feed, i quali sono file autonomi che contengono riferimenti a oggetti su eBay. Il sito Web del programma degli sviluppatori eBay contiene uno strumento di verifica delle API con cui valutare i risultati delle chiamate API utilizzando i vari parametri disponibili. Questo strumento può essere utilizzato direttamente da sviluppatori o collaboratori per testare le chiamate API di base prima dell'integrazione sul sito Web da parte dello sviluppatore. Presentazione completa delle API http://developer.ebay.com/quickstartguide/default.aspx

Strumento di verifica delle API  https://developer.ebay.com/DevZone/build-test/test-tool/default.aspx

Impostazione di una chiamata API

Sulla parte sinistra della pagina dello strumento sono disponibili delle opzioni per determinare il tipo e la destinazione delle chiamate API. Di seguito vengono descritte le varie sezioni, i loro scopi e i casi di utilizzo.

Scelta dell'ambiente: Sandbox o Production L'ambiente Sandbox utilizza database di verifica che non contengono oggetti e dati correnti. L'ambiente Production utilizza invece i database correnti che contengono oggetti attualmente in vendita su eBay. Utilizzate Sandbox quando verificate le chiamate inviate a eBay, ad esempio quelle nelle API Trading. Dopo la verifica, potete passare a Production per implementarla. Utilizzate Production quando estraete informazioni, ad esempio quando cercate oggetti, categorie e venditori.

Selezione dell'insieme di chiavi Questa sezione viene compilata automaticamente dopo aver impostato le chiavi di sviluppo utilizzando la pagina dell'account dello sviluppatore.  https://developer.ebay.com/DevZone/account/default.aspx

Selezione delle API Sono disponibili diverse API per svolgere diverse funzioni. Le API Shopping e Finding servono a cercare oggetti in vendita. Le API Trading servono a mettere in vendita oggetti e altro. Una guida completa alle funzioni di ciascuna delle API è disponibile nel centro documentazione (http://developer.ebay.com/support/docs/default.aspx). In questo articolo viene descritto principalmente l'utilizzo delle API Finding.

Selezione di una chiamata API In ciascuna API è disponibile una serie di chiamate che potete fare verso le API in questione. Ad esempio, nelle API Finding la chiamata più utile e più comune è findItemsAdvanced, che offre la maggiore flessibilità nel trovare gli oggetti. Le API Finding contengono anche altre chiamate, ad esempio per trovare oggetti in base alla categoria o al nome del Negozio. Una guida completa alle funzioni di ciascuna chiamata è disponibile nel centro documentazione (http://developer.ebay.com/support/docs/default.aspx).

Selezione di un modello Dopo che avete impostato il tipo di chiamata e siete pronti a utilizzarla, potete cambiarne i criteri di ricerca. Si tratta di un modo rapido per aggiungere alcuni campi dei criteri di ricerca di esempio nel campo della richiesta, sulla destra. Potete modificare o rimuovere questi elementi in qualsiasi momento. Se selezionate "Full, generic", avrete a disposizione dei campi vuoti nel riquadro XML Request.  Se selezionate "Partial, pre-filled", vi vengono mostrati alcuni campi di esempio di base già compilati. Questa opzione è utile se non avete molta familiarità con lo strumento e volete abituarvi a usarlo per fare ricerche. Per vedere un esempio che includa i parametri di tracciamento di ePN, selezionate l'opzione "Full, generic": verranno mostrati all'interno dei tag <affiliate>.

Selezione di variazioni di chiamata/campi da includere I contenuti di questo riquadro dipendono dal modello selezionato e costituiscono un modo rapido per aggiungere campi di ricerca al riquadro XML Request. Se il modello è "Full, generic", potete scegliere se aggiungere solo i campi obbligatori oppure tutti i campi possibili. Nel secondo caso, verranno aggiunti tutti i campi possibili al riquadro XML Request sulla destra. Da qui potete esaminarli uno per uno e decidere se utilizzarli o meno. Ad esempio, potreste voler cercare utilizzando parole chiave, ma senza specificare la categoria. Per farlo, utilizzate la riga <keywords>stringa</keywords> e aggiungete le parole chiave che desiderate. Poi eliminate la riga <categoryId>stringa</categoryId>  dal riquadro. Se procedete così per tutti i campi possibili, potete vedere tutte le possibilità e sfruttare al meglio le chiamate API.

Selezione della versione della richiesta di chiamata Come regola generale, non è necessario cambiare questo valore, che si usa solo in circostanze particolari, ad esempio quando sono state apportate modifiche a un'API che hanno causato problemi.

Selezione dell'ID del sito Esistono vari siti eBay per diversi scopi, ad esempio i siti generali nei vari paesi o il sito di eBay Motori negli Stati Uniti. Gli oggetti messi in vendita nel Regno Unito vengono inseriti nel sito britannico, quelli messi in vendita in Germania nel sito tedesco. Aree diverse hanno diversi elenchi di categorie, in base alle esigenze della lingua e di categorizzazione del paese. Potete effettuare una chiamata API solo a un unico sito eBay, che va specificato. Per effettuare una chiamata a più siti dovete creare più chiamate API.

Impostazione dei valori della richiesta

Dopo avere impostato la chiamata API da effettuare potete utilizzare la parte destra della pagina dello strumento per cambiarne i valori della richiesta. Di seguito vengono descritte le funzioni di ciascuna sezione.

Web Service URI (Endpoint) Qui è riportato l'URL Web delle API in uso. Questo campo viene compilato automaticamente in base a quanto impostato nel riquadro "Select an API", ma potete modificarlo manualmente.

HTTP Headers Queste intestazioni vengono compilate automaticamente in base a quello che avete scelto durante l'impostazione della chiamata API, sulla sinistra. Potete modificare questi valori manualmente, ma non è necessario.

XML Request Questo riquadro contiene i dati che verranno inviati alle API e determina che cosa viene restituito. I parametri di ricerca sono contenuti all'interno dei tag XML, ad esempio: <entriesPerPage>2</entriesPerPage>. Prima di effettuare la chiamata, potete modificare i valori tra i tag (in questo caso "2"). Questi esempi precompilati sono utili per capire come utilizzare questa parte dello strumento; per consultare la documentazione completa relativa a ciascun parametro, visitate il centro documentazione (http://developer.ebay.com/support/docs/default.aspx).

Visualizzazione dei risultati

Dopo aver scelto tutti i parametri, inviate l'interrogazione: i risultati verranno mostrati nel riquadro Call Response. La risposta è in formato XML ed è simile a quanto mostrato qui:

Se non ottenete alcun risultato, modificate la chiamata rendendola meno specifica. Se siete soddisfatti della chiamata, potete integrarla nel sito Web (https://developer.ebay.com/quickstartguide/).

Esempio d'uso

Vediamo ora un esempio pratico di come utilizzare lo strumento API per ottenere il seguente obiettivo: vedere un elenco di pantaloncini blu disponibili per acquisto immediato nel Regno Unito.

1. Selezionate l'ambiente "Production", visto che state cercando oggetti in vendita su eBay.

2. Selezionate le API Finding, visto che state cercando oggetti.

3. Utilizzate la chiamata findItemsAdvanced per specificare parametri avanzati per trovare un determinato tipo di oggetto.

4. Scegliete il modello "Full, generic" e includete nella chiamata tutti i campi possibili. Questo vi consente di utilizzare facilmente tutti i parametri necessari e di rimuovere quelli superflui.

5. Impostate l'ID del sito su UK.

6. Scegliete la categoria dei pantaloncini.  La pagina delle categorie di eBay (http://listings.ebay.co.uk/) può aiutarvi a trovare l'ID di categoria che cercate. Anche lo strumento per categorie CGMlab (http://ebay.cgmlab.co.uk/tool-categorytree.php)può fornirvi dettagli sulle categorie disponibili.

7. Impostate i filtri oggetto in modo da includere le inserzioni a prezzo fisso e quelle con formato Compralo Subito e Oggetto del Negozio eBay, i cui oggetti possono essere acquistati immediatamente. Elenco completo dei filtri oggetto per findItemsAdvanced: (http://developer.ebay.com/DevZone/Finding/CallRef/types/ItemFilterType.html).

8. Impostate un filtro di aspetto per trovare solo oggetti il cui colore principale (Main Colour) è blu (Blues). Gli aspetti disponibili all'interno di una categoria possono essere controllati nella pagina delle categorie, in questo caso qui: (http://clothes.shop.ebay.co.uk/Shorts-/15689/i.html?LH_LocatedIn=1&_armrs=1&_dmd=1&_mdo=Clothes-Shoes-Accessories&_mspp=&_pcats=1059%2C11450&_salic=3). Ulteriori documenti sui filtri di aspetto sono disponibili nella documentazione sulle chiamate (http://developer.ebay.com/DevZone/Finding/CallRef/findItemsAdvanced.html#Request.aspectFilter).

9. Specificate i parametri di tracciamento ePN. L'ID di rete di eBay Partner Network è 9; utilizzate il tag trackingId per l'ID campagna.  Il tag <geoTargeting> verrà usato in futuro; impostate il valore su 0.

10. Eliminate eventuali campi non utilizzati in XML Request. Poiché avete scelto di includere tutti i campi possibili, per poter aggiungere facilmente ciò che volete, ci saranno molti campi vuoti inutilizzati. Dovete eliminarli per non condizionare i risultati. La chiamata completa dovrebbe avere un aspetto simile a questo:

11. Dopo avere eseguito la chiamata, vengono restituiti i risultati. Qui sono disponibili tutti i dettagli sulla chiamata e gli oggetti restituiti, compresi i messaggi di errore nel caso di chiamata non riuscita. Qui potete modificare qualsiasi parametro di impostazione della chiamata, inviarla di nuovo e fare vari tentativi per capire come ottenere i risultati migliori.

Opzioni di implementazione

Lo strumento di verifica delle API è un ottimo modo per vedere le chiamate API e usare le varie opzioni per ottenere la chiamata che soddisfa al meglio le vostre esigenze. Sono previste varie opzioni per implementare la chiamata API e vari formati per la chiamata stessa.  Chiamate API Finding di esempio per formato XML e URL standard sono disponibili qui:

http://developer.ebay.com/DevZone/finding/CallRef/findItemsAdvanced.html#Samples

Per informazioni più generali su tutte le opzioni per i formati di richiesta e risposta, consultate questa pagina:

http://developer.ebay.com/DevZone/finding/Concepts/MakingACall.html

Promemoria sulle modifiche alle categorie eBay

Come anticipato nel post del 21 marzo su come le prossime modifiche per i venditori influiranno sugli affiliati, eBay ha apportato alcuni importanti cambiamenti alla propria struttura in categorie quali Abiti, calzature e accessori, Cellulari e PDA, Fotocamere e fotografia. Le modifiche globali sono già state implementate, ma desideriamo fornire maggiori informazioni sulle azioni da intraprendere per trarre vantaggio dai cambiamenti. 1. Comprendere le modifiche apportate alle categorie che promuovi.

I link riportati di seguito offrono tutte le informazioni necessarie per comprendere quali saranno le categorie interessate:

Inoltre, le modifiche alle categorie sono disponibili in altri siti eBay agli indirizzi seguenti.

Per gli Stati Uniti:  http://pages.ebay.com/sellerinformation/news/CategoryUpdatesSpring2011.html

Per il Regno Unito:  http://sellerupdate.ebay.co.uk/may2011/category-changes.html

Per la Germania:  http://sellerupdate.ebay.de/may2011/category-changes.html

Per la Svizzera: http://pages.ebay.ch/categorychanges/

Per l'Irlanda: http://pages.ebay.ie/categorychanges/

Per l'Austria: http://pages.ebay.at/categorychanges/

2. Verificare i risultati.

Se hai già implementato uno strumento ePN, verifica che i risultati siano quelli attesi. Tutti gli strumenti ePN continueranno ad accettare i precedenti ID categoria, ma sarà necessario verificare che i risultati siano ancora pertinenti se la categoria è stata unita ad un'altra categoria o spostata in una sezione diversa della struttura delle categorie.

In alcuni casi potrebbe essere opportuno valutare la possibilità di aggiungere una parola chiave per ottenere risultati più mirati. Ad esempio, la categoria "Jeans taglie piccole" (11573) è stata unita alla categoria "Jeans" (11554) per il sito eBay Stati Uniti. Per continuare a mostrare i jeans per le taglie piccole potrebbe essere necessario aggiungere il termine "taglie piccole" alle parole chiave.

Se utilizzi l'API, controlla il recente post del Programma per sviluppatori.

3. Aggiornare i link in base alla struttura delle categorie corrente.

Il portale ePN viene aggiornato regolarmente in base alla struttura delle categorie più recente. Se hai bisogno di testare le nuove combinazioni di parole chiave/categorie o vuoi creare nuovi link in base alla nuova struttura delle categorie, visita il portale ePN.

Purtroppo la scorsa settimana alcuni publisher hanno riscontrato un problema relativo alla gestione non corretta delle modifiche alle categorie da parte dei feed RSS. Il problema è stato risolto ed emetteremo un risarcimento a favore dei publisher interessati. Ci scusiamo per l'inconveniente e ci auguriamo che queste informazioni contribuiscano a rendere più agevole il passaggio alla nuova struttura delle categorie.

-Il team di eBay Partner Network

Nuovo generatore feed RSS presto disponibile!

Stiamo aggiornando il nostro generatore feed RSS per sfruttare la più recente tecnologia di ricerca di eBay.Il 18 Aprile lanceremo nel pannello eBay il nuovo generatore Feed RSS aggiornato che avrà un nuovo formato e un nuovo Tool ID per l’url del Feed RSS. Il generartore Feed RSS esistente non sarà più disponibile sul portale ePN dopo il 17 aprile. Tuttavia,l’url dell’attuale Feed RSS continuerà ad essere supportata fino al 30 giugno. Si consiglia di passare al nuovo Generatore Feed RSS per essere sicuro di ottenere risultati più performanti. Oltre ai risultati di ricerca più rilevanti, il nuovo Generatore Feed RSS permette di filtrare gli annunci dei top seller di eBay e di escludere particolari categorie dai risultati, se necessario. Per trovare il nuovo Generatore Feed RSS, accedi al tuo account ePN, cliccate su Strumenti > Widget > Generatore Feed RSS.

Il team di eBay Partner Network

Annuncio di modifiche dei limiti di richieste API

A partire dal 1° marzo 2011 i limiti di richieste delle API per la spedizione, le ricerche e il merchandising verranno calcolati in modo nuovo. Per maggiori informazioni, leggi questo post. Che cosa comporta questo cambiamento per te? Se la tua applicazione effettua più di 5.000 chiamate al giorno, esegui il controllo delle applicazioni compatibili per aumentare i limiti di richieste ed evitare così interruzioni dell'applicazione.

Ti auguriamo un continuo successo, Il team di eBay Partner Network